QUALI BUONI PROPOSITI PER IL NUOVO ANNO?

Anno nuovo, vita nuova

buonipropositi1

A cura di Maria Cristina Cattoni

Questa affermazione racchiude una serie di tradizioni che in ogni angolo del mondo sono connesse ai buoni auspici per l’inizio di un nuovo anno: se in Italia è d’usanza mangiare le lenticchie, in Giappone i fagioli di soia nera e in Spagna dodici acini d’uva al rintoccare della mezzanotte; in Danimarca si usa salire sulle sedie per poi saltare giù, saltando nel nuovo anno; in Canada è tradizione fare il bagno nelle acque gelate; in Argentina si stracciano dei documenti e poi si lanciano i pezzetti di carta dalle finestre, per liberarsi del vecchio; e in Russia è usanza aprire la porta di casa per far entrare il nuovo anno al dodicesimo rintocco della mezzanotte.

Ogni tradizione svela il desiderio, comune a tutti, che il nuovo anno sia migliore del precedente e poiché, si sa, una buona parte di quel che accade dipende anche da noi e dai nostri comportamenti, solitamente la fine di un anno è accompagnata dai buoni propositi per il nuovo anno. Ognuno ha i suoi, ma ci sono alcuni piccoli gesti che forse dovremmo impegnarci un po’ tutti a fare, per il bene nostro e del nostro ambiente.

Guardando all’anno nuovo con lo spirito di Gentletude, ci sono alcuni aspetti della nostra quotidianità che possiamo valorizzare, per superare meglio e in compagnia questo momento di crisi.

Riscopriamo l’importanza dei gesti e delle parole

Forse già durante questo periodo di festività appena concluso abbiamo trascorso più tempo con i nostri cari, siamo stati più disponibili ai racconti dei nostri figli, abbiamo cucinato con i nostri genitori… e abbiamo mangiato insieme.
Perché non far diventare una buona abitudine, da ripetersi magari ogni fine settimana, il sedersi a tavola tutti insieme, spegnendo la televisione e chiacchierando con i nostri famigliari?
Semplici gesti che nel corso dell’anno stiamo sempre più dimenticando (tanto che il 46% degli intervistati per la ricerca Gentletude 2012 ha risposto che parole come “mi manchi, ti voglio bene, posso?” sono sempre meno usate in famiglia).

buonipropositi2

Riscopriamo la stagionalità dei prodotti alimentari

Una recente indagine della Coldiretti/Swg ha evidenziato come, durante le festività natalizie, il 59% degli italiani ha consumato prodotti nazionali, il 23% locali o a chilometro zero e l’11% biologici. La frutta locale in particolare, con il 77% delle preferenze, è stata presente nei piatti di 39 milioni di italiani. Conseguenza della crisi, si è cucinato di più e sprecato di meno: secondo l’analisi di Coldiretti/Swg, infatti, il 92% degli italiani ha trascorso il Natale in casa propria o in quella di parenti e amici e nel 21% dei casi non è avanzato quasi niente e nel 54% la quantità di cibo eccedente è stata comunque ridotta al minimo e nel 62% utilizzata nei giorni successivi.
Questi dati ci aiutano a dimostrare che è sufficiente un poco di attenzione in più, per cucinare cibi buoni e ricercati, senza sprecare denaro e alimenti. Impegniamoci a riscoprire i prodotti locali, spesso più salutari degli altri, e scopriremo che la stagionalità in cucina non è un limite, ma una ricchezza per la nostra creatività!
Il contatto diretto con i produttori, là dove è possibile, si trasforma poi in una ricchezza personale, fatta di consigli sui prodotti da acquistare e nuove relazioni interpersonali.

buonipropositi3

Riduciamo lo spreco di risorse

Il 2013 è stato proclamato dall’UNESCO “anno internazionale della cooperazione idrica”, per stimolare tutti noi a riflettere sull’importanza dell’acqua e sulle sfide legate alla sua gestione e condivisione, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.
Anche noi europei, però dovremmo soffermarci a riflettere sull’uso che facciamo delle preziose risorse naturali che ci offre il pianeta.
Secondo i dati diffusi dallo Stockholm International Water Institute – SIWI – per esempio, oltre un quarto dell’acqua consumata in tutto il mondo serve a produrre un miliardo di tonnellate di cibo che vengono poi buttate. Un altro esempio può essere fornito dai dati dell’Istat, che nel 2011 hanno evidenziato come circa il 47% dell’acqua potabile in Italia venisse sprecata perché dispersa a causa delle perdite nelle condutture. Sempre guardando agli sprechi, colpisce il dato sulla raccolta differenziata che, in Italia, si attesta solo al 31,7% sul totale dei rifiuti urbani (Istat, 2011).

Forse vale la pena di impegnarsi a compiere alcuni gesti come non far scorrere a vuoto l’acqua dai rubinetti, prestare attenzione alla tipologia di rifiuti per differenziarli correttamente, acquistare prodotti in materiale riciclato… all’inizio ci vorrà un po’ di impegno e attenzione, ma poi ci scopriremo a compiere in automatico questi comportamenti. E’ solo questione di abitudine: perchè non provare, per quest’anno, a sviluppare qualche nuova buona abitudine? Buona per noi e per il nostro mondo!

Questi sono solo alcuni piccoli spunti, ma ognuno di noi potrà trovare il suo buon proposito per trasformare il mondo in un luogo più gentile; perchè la gentilezza è dettata dagli abitanti del pianeta: tanti piccoli gesti che possono creare il cambiamento!

Buon 2013 a tutti!

Commenta articolo