ALLEATI DELLA GENTILEZZA: LE EMOZIONI POSITIVE

2015-10-30-1446220789-6450545-featured18wdd2x

A cura di Giacomo Papasidero

Quando pensiamo a una persona gentile come la immaginiamo? Probabilmente ce la aspettiamo sorridente, con il volto sereno, certamente in uno stato d’animo positivo. Se davvero è la felicità la condizione migliore per comportarci in modo gentile, se realmente sono le nostre emozioni positive la base migliore per compiere gesti cortesi, dobbiamo sperare di stare bene? Che cosa succede se invece siamo in preda alla rabbia o alla delusione?

.
In realtà possiamo scegliere se essere felici. Per capirlo bene dobbiamo capire cos’è l’indipendenza emotiva. Ossia capire che le nostre emozioni non dipendono da cosa ci accade, ma da come lo viviamo.
Pensiamo alla nostra reazione mettendo una mano sul fuoco. Qualcuno resiste un secondo in meno, altri uno in più, ma nel giro di pochissimo tutti toglieremmo la mano dal fuoco per non bruciarcela.

.

Con le emozioni questo non succede. Possiamo avere reazioni anche totalmente apposte di fronte alla stessa situazione. Un pompiere non reagirebbe mai gridando in preda al panico di fronte a un incendio. Una guardia giurata non resterebbe immobilizzata dalla paura di fronte a un rapinatore. Di fronte a una bocciatura alcuni ragazzi sono disperati altri sono calmi e non la prendono male. Alla fine di una relazione alcuni cadono in un’angoscia profonda mentre altri continuano con tranquillità la propria vita. Di fronte a un licenziamento alcuni pensano che la vita stessa non abbia più senso mentre altri si rimboccano la maniche e ce la fanno.

.
Nel mese di settembre si sono concluse le Paralimpiadi Brasiliane. Quasi tutti pensiamo che perdere una gamba o un braccio, piuttosto che la vista, sia un’esperienza devastante e che poi non potremo più essere felici. Come mai queste persone, invece, sono diventate addirittura atleti? Come mai quando parlano, le vedi sprizzare gioia ed entusiasmo malgrado anche gravissime mutilazioni?

.
L’importante è capire che le nostre emozioni dipendono da come valutiamo ogni cosa e che alla base di questo c’è il modo in cui osserviamo la realtà.

.

Ne parleremo tra un paio di settimane.

Commenta articolo